Storicamente il settore dell’architettura è stato dominato da due estremi opposti: da una parte l’avanguardia piena di idee folli, provenienti dalla filosofia a volte mistiche con il fascino del potenziale formale, aiutato dalla computer grafica, spesso distaccata dalla realtà, ed eccentrica. Dall’altra parte ci sono strutture ben organizzate che costruiscono scatole noiose e prevedibili di buon livello.
Noi crediamo che ci sia una via che si incunea tra questi due opposti, in quella zona molto fertile che si sovrappone tra le due realtà prima descritte. Architettura utopica pragmatica che traduce le strutture immateriali della società, la vita umana, il sociale, l’attività culturale, economica e politica in strutture reali e fisiche.
L’architettura deve diventare il mestiere per migliorare il mondo in cui viviamo, dove la nostra conoscenza e la tecnologia non ci limitano ma piuttosto ci permettono di trasformare i sogni surreali nello spazio abitabile, per adattarsi meglio alle forme di vita contemporanea.
Il nostro design evolutivo risponde a domande ben specifiche e tutte le decisioni sono basate su informazioni puntuali di progetto che guidano il disegno. Il nostro sforzo come architetti è orientato sulle opportunità tra analisi e costruzione ed esploriamo un nuovo territorio intellettuale sia nel mondo digitale che materiale attraverso tre aree specifiche:
1. Simulazione Tecnica, la luce influenza direttamente la geometria dell’edificio e gli studi di esposizione termica, condizioni dell’involucro edilizio, il sole, l’esposizione, il flusso d’aria, la turbolenza, il vento, la sintassi spazio termica e il flusso di traffico sono simulazioni tecniche ora di controllo per consentire a noi stessi di fare i disegni che sono letteralmente modellati dalle forze che li circondano. Collaboriamo con i migliori esperti tecnici per sfruttare la punta di diamante all’orizzonte della professione, ma abbiamo ritenuto necessario educare noi stessi a maneggiare gli strumenti digitali di progettazione;
2. Design Evolutivo, esploriamo la tecnologia personale, la mobilità urbana e il mobilio. Chiudiamo tra design ed architettura il nostro interesse per la progettazione del prodotto è un’estensione letterale dei nostri sforzi in architettura ed urbanistica;
3. Progetti Speciali, stiamo intraprendendo un nuovo viaggio per esplorare nuovi territori intellettuali sia nel mondo digitale che materiale.

Leave a Reply